Erano anni, non so quanti, che non accadeva un fatto del genere, ovvero che nel mese del mercato in vernale, quello definito di riparazione, tra i media e tra i tifosi non si parlasse dei possibili rinforzi della Ternana. Proprio così, in qualche modo la Ternana ha cancellato il mercato. Lo ha fatto in virtù dei risultati che sta ottenendo. Di questo titolo platonico di campione d’inverno conquistato in anticipo e ancor più legittimato con le ultime prestazioni, a tratti esaltanti.

46 punti messi insieme in un girone sono un’enormità, 46 gol segnati con 17 giocatori diversi e soltanto 12 subiti (migliore difesa del girone), conditi con l’imbattibilità, unica nel calcio professionistico italiano, sono numeri che lasciano a bocca aperta, che da soli commentano lo splendido cammino dei rossoverdi.

E allora diventa quasi normale, scontato, guardare alla fase invernale del mercato calcistico con estrema sufficienza, con la curiosità di chi vuole sbirciare nella casa altrui. Perché nella propria c’è davvero poco da migliorare. Almeno per quest’anno.

Chiaro che questo non vuol dire che il diesse Luca Leone se ne stia in vacanza come gli aveva consigliato il presidente Bandecchi. Lui considera giustamente il mercato un’opportunità. Tradotto: se capita l’occasione giusta per migliorare ancora un organico formidabile non se la lascerà sfuggire. Ma può esserci questa opportunità? Pensiero del tutto personale: la vedo dura.

Meglio così perché vuol dire che la squadra funziona e che il futuro sembra poterle riservare ancora tante soddisfazioni. Ad una condizione, per dirla alla Lucarelli “restando tutti ben chiusi nel carrarmato”. Perché fuori signori infuria la battaglia.

E’ vero che la Ternana ha surclassato a domicilio anche la Juve Stabia che era in crescita come testimonia la serie positiva infranta dai rossoverdi, ma è altrettanto vero che gli spiccioli del mese di gennaio e il mese di febbraio metteranno alla prova la tenuta dei rossoverdi. A cominciare dalla sfida di domenica a Viterbo, in casa di una squadra in grande forma visto che nell’ultimo turno ha messo sotto il Teramo, fin qui terza forza del girone.

Per cui alla fine aver cancellato il mercato può dare ulteriore forza alla squadra che così evita le tensioni proprie del periodo legate a possibili trasferimenti o nuovi ingressi. Distrazioni che in altre stagioni hanno fatto danni, aggiunte che a volte hanno pure rovinato giocattoli che funzionavano.

Il mercato quindi lasciamolo agli altri, a noi sta benone questa Ternana che fa punti e diverte. Se poi dal cilindro dovesse uscire il coniglio a cui nessuno pensa meglio ancora. Perché di sicuro sarebbe il frutto di valutazioni estremamente oculate come lo sono state tutte quelle che hanno portato alle conferme e agli innesti operati sul gruppo della passata stagione.

Sezione: Editoriale / Data: Mar 19 gennaio 2021 alle 00:00
Autore: Massimo Laureti
Vedi letture
Print