La Ternana vola in testa alla classifica anche se Lucarelli ribadisce che dobbiamo tutti rimanere con i piedi per terra. Continua a voler volare basso Lucarelli che non vuole che il troppo entusiasmo possa rovinare un momento magico. La Ternana è imbattuta, segna tantissimo e con tanti uomini, fa divertire e ha una sua propria identità. Sembra quasi di vivere un sogno. Era da anni che non vedevamo una squadra giocare così bene e dominare gli avversari. Ma resta il concetto di base: volare bassi. Entusiasmo si, e giustificato, ma allo stesso tempo limitato. La partita con il Catanzaro ha infatti insegnato che non sono permesse distrazioni. Al primo calo di tensione infatti, la Ternana ha prima subito il gol del pareggio per poi rischiare di capitolare. Una flessione che le Fere potevano rischiare di pagare a caro prezzo. Nel secondo tempo è tornata la Ternana di sempre, quella di Lucarelli e non c'è stato scampo per il Catanzaro.

Una vittoria che da ancora più fiducia alla squadra e all'ambiente. Ternana prima, anche se è ancora troppo presto per guardare la classifica. Siamo solo all'inizio del campionato, ma con la vittoria di ieri la Ternana ha dato un forte segnale a tutte le squadre del girone. Alla vigilia della partita, Lucarelli aveva ribadito che quella con il Catanzaro sarebbe stato il match clou della giornata, probabilmente la prima partita di 'livello' per le Fere in questo avvio di campionato, contro una squadra che ambisce ad almeno un posto per i playoff. La Ternana ha offerto una prova di forza notevole, lasciando solo venti minuti di gioco al Catanzaro, più per demeriti dei rossoverdi che per meriti dell'avversario, rischiando però di complicare una partita che è finita in goleada. 

Togliendo infatti quei venti minuti di rallentamento, le Fere hanno dominato e vinto con merito. La squadra ha una sua identità, ogni giocatore sa cosa fare in campo e tutti sono determinanti, sia chi parte titolare che chi subentra. La Ternana continua a macinare gioco e a vincere, indipendentemente dalla forza dell'avversario che incontra. Tutto questo facendo divertire il pubblico (purtroppo solo da casa) che si stropiccia gli occhi incredulo dello spettacolo che sta offrendo una Ternana che, a questo punto, è la squadra da battere, restando però sempre coi piedi per terra. 

Sezione: Editoriale / Data: Mer 04 novembre 2020 alle 00:01
Autore: Stefano Bentivogli / Twitter: @sbentivogli10
Vedi letture
Print