1. La Ternana ritrova la vittoria nel momento fondamentale
Abbiamo imparato che la Ternana ha saputo ritrovare la vittoria quando era necessario. I rossoverdi non vincevano un match dal 19 gennaio: 3-1 in casa contro il Rende. Da quel giorno sono passate 10 partite (8 di campionato e 2 di playoff) senza che la Ternana riuscisse a vincere. La squadra di Fabio Gallo ci è riuscita all’undicesima gara, quando la vittoria era l’unico risultato utile. Una bella iniezione di fiducia.

2. Ben ritrovata solidità difensiva
Abbiamo imparato che la Ternana sa giocare da squadra esperta. Contro il Monopoli non ha commesso lo stesso errore fatto contro la JuventusU23 nella finale di Coppa Italia di C. Una volta passata in vantaggio la squadra di Fabio Gallo ha saputo difendere il risultato senza, tra l’altro, subire più di tanto. La prima parata di Iannarilli è arrivata pochi secondi prima del triplice fischio finale. Ternana finalmente autoritaria. Altro bel segnale in chiave futuro.

3. Salzano gol dopo quasi 10 mesi
Abbiamo imparato che Aniello Salzano ha ritrovato la via del gol dopo “una vita”. La sua ultima rete in campionato risale addirittura al 25 settembre 2019: Ternana-Reggina 1-1. Da quel giorno sono trascorsi quasi 10 mesi. Una vita, quasi un anno. Ma poco importa perché il centrocampista, nell’ultima partita schierato davanti alla difesa, ha saputo trovare il guizzo decisivo che ha consentito alla sua squadra di andare avanti nei playoff. Ben trovato.

4. Ternana 10 volte imbattuta
Abbiamo imparato che se la Ternana ha raggiunto la decima partita stagionale tra campionato e playoff senza subire gol. Per 8 volte è riuscita a mantenere la propria porta inviolata durante il campionato riuscendo a vincere 6 partite e chiaramente pareggiando le restanti due. Nei playoff invece era riuscita ad uscire dal campo senza aver incassato reti contro l’Avellino alla prima gara.

5. Gallo coraggioso e… vincente
Abbiamo imparato che Fabio Gallo sa essere coraggioso e vincente. Contro il Monopoli non ha voluto snaturare la Ternana. Memore del fallimento del “giocare a specchio” di campionato, Gallo è andato dritto con decisione sul 4-3-3 il sistema di gioco che ha consentito alla Ternana di arrivare alla sfida in terra pugliese. Ed è stato premiato. Così come è stato premiato dai cambi che ha effettuato. Con gli innesti dalla panchina ha voluto lanciare un messaggio chiaro a chi è rimasto in campo: “non ci chiudiamo ma continuiamo a giocare”. E così è stato. La Ternana si è chiusa ma perché il Monopoli non poteva fare altrimenti che riversarsi nella metà campo avversaria. Ma non ha concesso nulla agli avversari e con Partipilo ha fallito il gol che avrebbe chiuso la partita con qualche minuto d’anticipo. 

Sezione: Copertina / Data: Ven 10 luglio 2020 alle 13:00
Autore: Alessandro Laureti
Vedi letture
Print