IANNARILLI 5,5 nel primo tempo un paio di parate, entrambe molto efficaci, come nel secondo si ripresenta nel momento di pressione del Genoa con due interventi (uno su Aramu, l’altro su Strootman) salva risultato. Poi però il fallo da rigore su Coda (trasformato dallo stesso Coda), rimette la partita in parità e indirizza la gara in favore del Genoa
DIAKITE’ 7 contro ha uno dei giocatori più forti della categoria, riesce a contenerlo e con la sua grande generosità riesce sempre a supportare Partipilo in fase offensiva, proponendo quasi sempre il raddoppio. L’azione del vantaggio nasce proprio così. E anche nel secondo tempo è uno degli ultimi a mettere in campo tutto. I suoi recuperi strappano applausi, così come la sua corsa sulla corsia (39’ RAUL MORO sv prova con due sgasate a mettere apprensione agli avversari. Ma troppo poco tempo)
MANTOVANI 7 nel primo tempo sembra avere la calamita: sta dappertutto. Chiude, tampona, rilancia, scivola, chiama. Strilla, quando la Ternana ondeggia. Ha tenuto la difesa in mano per tutta la partita. Uno dei migliori, fino alla fine.
SORENSEN 5,5 deve pensare a Coda. E quando hai uno così contro non puoi permetterti di sbagliare nulla. Per 75 minuti è stato così: poi l’errore, se vogliamo chiamarlo così, nel momento peggiore, quando il Genoa aveva appena pareggiato. E le due indecisioni (la sua e quella di Iannarilli) purtroppo pesano sul risultato
CORRADO 7 è ormai diventato un punto di riferimento della squadra. Sulla sinistra riesce ad abbinare corsa e qualità. L’intesa con Falletti, non può che crescere ma già così, alla prima uscita è confortante. Crea pericoli e superiorità, non lascia mai scoperta la squadra
DI TACCHIO 6,5 Si pianta come una quercia davanti alla difesa per sradicare palloni e regalare sicurezze. Non arretra di un centimetro. Quando  la Ternana inizia a soffrire si stringe intorno a lui, ma non basta. Sacrificato per un possibile arrembaggio finale  (39’ DONNARUMMA sv troppo poco tempo per poter fare qualcosa, ci prova senza riuscirci)
PARTIPILO 6,5 ha il fuoco addosso, nel primo tempo. Si vede che è in palla. Attacca sempre, punta l’avversario, cerca i compagni. Segnerebbe pure, ma viene annullato per fuorigioco. Nel secondo tempo le occasioni in avanti si diradano, lui è costretto a fare più corse indietro che avanti
PALUMBO 7 torna a centrocampo e la Ternana non solo non cambia la sua attitudine difensiva ma migliora quella offensiva. L’esperimento di un centrocampo di assaltatori funziona. E poi lui continua a disegnare calcio in qualsiasi posto lo metti. Anche contro la squadra più tecnica del campionato si conferma uno dei più forte della B nel suo ruolo
CASSATA 7 certamente la miglior partita da quando è in rossoverde, forse una delle sue migliori da tanto tempo. Sta ritrovando forma fisica e fiducia. E’ una partita totale: davanti e dietro. Aggredisce spazi e avversari. Poi inevitabilmente cala, ma rimane una partita da incorniciare, assist compreso (25’ st CELLI 6 entra perché la Ternana stava subendo troppo il Genoa. E quindi serviva tamponare la difesa. Purtroppo per la Ternana però nel giro di 6/7 minuti il Genoa ha sfondato lo stesso. E quindi il suo ingresso, che serviva a “narcotizzare” la gara, poi ha dovuto fare uno switch)
FALLETTI 6 già soltanto il fatto che sia in campo da una grande fiducia a lui e alla squadra. Poi anche se evidentemente non è al top, quando sgomma fa malissimo. Si ripresenta al Liberati con una traversa, con una grande grinta e con l’affetto della gente (15’ st AGAZZI 6 è meno vistoso di Cassata e Palumbo in mezzo al campo, ma più tattico)
FAVILLI 7 voleva il gol con tutto se stesso e il gol è arrivato. Oltre a tanto altro: riesce a tenere impegnato il reparto difensivo rossoblu, dialoga con i compagni e soprattutto riesce a tenere alta la squadra (25’ PETTINARI 6 entra nel periodo peggiore per la Ternana, quando la squadra perde prima metri e poi coraggio. Sarebbe servita una magia, come quella di Benevento, ma non gli riesce. Non certo per colpa sua)
 

Sezione: Copertina / Data: Sab 22 ottobre 2022 alle 18:30
Autore: Ternananews Redazione
vedi letture
Print