IANNARILLI 6 prende due gol e non compie grandi interventi. Il Parma preme molto, per tutta la gara, Ianna rimane sicuro anche se preoccupato
MANTOVANI 6,5 esordio assoluto con la maglia della Ternana, prima come centrale di destra, poi come terzino, nella difesa a 4. Attento, chiama a gran voce i compagni. Anticipa Ansaldi in occasione del gol del vantaggio del Parma e involontariamente serve un assist per Delprato. Decisamente più volontario l’assist per Coulibaly, per l’1-1 rossoverde! Sfiora addirittura il gol del 2-3, con un colpo di testa su calcio d’angolo. Come si dice in questi casi: buona la prima. Per grinta, personalità ed efficacia.
BOGDAN 5 il ruolo di difensore centrale, soprattutto nella difesa a 3, è pericoloso. Ogni errore, anzi ogni indecisione, può costare caro. Ed è quello che è successo oggi pomeriggio. Sul primo gol Delprato è più veloce di lui sul rimpallo in area, nel secondo si fa saltare da Vazquez (insieme a Di Tacchio)
CAPUANO 6 difesa a 3 all’inizio per cercare di chiudere tutti gli spazi agli attacchi del Parma. Il bunker vacilla e alla fine non regge, anche se un paio di pezze (forse anche di più) Capuano deve mettercele. Anche “fortunato” sull’ultima occasione di Inglese, che di testa la manda fuori. 
DIAKITE’ 5 in questo 343 proposto a Parma non è sembrato al suo agio. E’ certamente più difensore che uomo di fascia, seppur abbia spesso interpretato il ruolo di terzino di spinta, in una difesa a 4. In questa posizione non riesce a trovare un suo equilibrio, non riesce a spingere, troppe volte impreciso. La Ternana è molto bassa come baricentro, anche a causa della sua interpretazione (dal 45’ AGAZZI 6,5 sarà un caso ma quando la Ternana, con lui in campo, passa al 433 diventa più ordinata e più equilibrata. Non si schiaccia troppo indietro, riesce a farsi vedere in avanti con più frequenza. Sicuramente anche l’atteggiamento del Parma aiuta, ma l’equilibrio di Agazzi a nostro avviso è decisivo)
COULIBALY 6 un primo tempo quasi da horror, tanti palloni sbagliati, sembrava in difficoltà ad andare a prendere i centrocampisti avversari. Si sveglia subito, all’inizio del secondo tempo, con il gol che regala alla Ternana il pari. Entra anche nell’azione del gol del 2-2, seppur rischiando il fuorigioco, dimostrando una grande capacità di inserimento. Insomma quello che non è successo nel primo tempo, lo ha fatto succedere nel secondo! (dal 75’ CASSATA sv)
DI TACCHIO 6 anche lui particolarmente impreciso (da un suo errore parte l’azione dell’1-0 del Parma). Ha il compito di limitare, in prima battuta, Vazquez che forse è il cliente più scomodo di tutta la B. Si danna l’anima, prova ad arrivare su tutti i palloni. Ma Vazquez lo salta anche in occasione del 2-1 (insieme a Bogdan). Il suo cuore e la sua generosità sono però grandi e regalano comunque una seconda parte di gara decisamente più efficace della prima
CORRADO 7 la prima ora di gara sembrava un passo indietro rispetto alle sue prestazioni in rossoverde finora. Come se essere avanzato di qualche metro gli avesse levato qualche certezza e qualche sicurezza. Poi - come tutta la squadra prende fiducia -  e comincia a macinare, a prendere confidenza. A dire la verità partendo qualche metro più dietro. E’ il suo cross infatti che propizia la deviazione/assist di Romagnoli per Donnarumma. Ma soprattutto con un gol da attaccante, straordinario. Per come è arrivato, per la capacità di girarsi e colpire. 
PALUMBO 6,5 parte ancora una volta nel tridente offensivo. Primo tempo di sacrificio, con qualche giocata provata senza particolare efficacia. Non riesce a strappare come suo solito. Il gol del pari per buona parte è suo merito. Nel finale della sua partita - come Raul Moro - prova a scuotersi. Ma il Parma concede campo e non spazio, ma non demorde. E cerca sempre la traiettoria giusta, come in occasione del gol di Corrado: suo assist, di nuovo. (dall’85 GHIRINGHELLI sv)
DONNARUMMA 7 davanti non arriva un pallone. Ma se ne arriva uno lo butta dentro, anche se glielo passano gli avversari. Nel primo tempo aveva provato con una magia a liberarsi per il tiro, ma i difensori del Parma si sono chiusi molto bene. Le ripartenze della Ternana sono praticamente inesistenti, così come sono pochissimi i palloni da giocare che arrivano in attacco, soprattutto nella prima parte della gara. Un tiro un gol, cecchino. Senza dimenticare tutte le corse ad inseguire gli avversari (dall’81’ ROVAGLIA sv)
RAUL MORO 6 nel primo tempo praticamente non si vede mai, fa fatica a mettersi in mostra. Nel secondo, piano piano, cresce. Comincia a mettere dei palloni interessanti dentro l’area, cerca anche il gol del 3-2. Poi è costretto ad uscire, si fa male (dal 75’ CAPANNI sv prova a dare due sgasate sulla sinistra, per il suo esordio)

Sezione: Copertina / Data: Sab 10 settembre 2022 alle 16:17
Autore: Ternananews Redazione
vedi letture
Print