E così siamo arrivati all'ultimo capitolo dell'entusiasmante romanzo scritto dalla Ternana in questa indimenticabile stagione calcistica 2020/2021.

Ovvero, ci sarà anche l'appendice della Supercoppa, assolutamente intrigante e coinvolgente, ma resta il fatto che domenica prossima il campionato celebrerà la sua giornata conclusiva, nel momento in cui le Fere, alle 20:30 al Liberati, affronteranno la Juve Stabia di Pasquale Padalino.

E si tratterà di una partita tutt'altro che di poco conto, perché, prima di chiudere la regular season, ci sono in ballo altri record da collezionare.

Senza contare l'indiscutibile forza delle Vespe campane, probabilmente la formazione più in forma del momento insieme al Catanzaro.

Una squadra, quella gialloblù, ancora in lizza addirittura per il quarto posto, piazzamento assai vantaggioso che cercherà di contendere fino all'ultimo "alla" Bari (attualmente in caduta libera, nonostante il ritorno in panca di Auteri, ma in vantaggio di 2 punti) e al Catania attualmente a pari merito.

Motivo per cui, Cristiano Lucarelli, tanto per non smentire se stesso, ha nuovamente rinchiuso tutti dentro al carro armato, reclamando massima attenzione e concentrazione anche e soprattutto in considerazione di qualche "svagatura" di troppo emersa, a suo dire, nel corso della partita disputata domenica scorsa a Monopoli.

All' esigentissimo tecnico rossoverde, infatti, non sono piaciute certe sfasature difensive che sono costate le due reti incassate al Veneziani, oltre a qualche altra situazione abbastanza confusa che poteva costare cara.

Invero, dopo un campionato semplicemente strepitoso, al limite dell'incredibile, come quello disputato dalle Fere, una posizione così drastica come quella assunta dal mister potrebbe sembrare addirittura anacronistica.

Ma Lucarelli è fatto così...e abbiamo imparato a conoscerlo.

Mai soddisfatto al 100% del comportamento dei suoi e per questo sempre pronto ad infilare anche il più piccolo errore.

Lui pretende sempre il massimo dai suoi e, a parte la partita di domenica prossima e gli altri record da conseguire, è già con la testa alla Supercoppa di Lega, un trofeo che non vuole assolutamente lasciarsi sfuggire.

Anche per dimostrare a "qualcuno" che la Ternana ha stravinto il campionato non a causa dello scarso spessore del Girone C e conseguente manifesta inferiorità delle avversarie, ma semplicemente perché è la più forte di tutti e tre i gironi!

E, a proposito dell'imminente Supercoppa (date: 8, 15 e 22 maggio, con torneo all' italiana, partite secche da disputarsi una in casa e l'altra trasferta e campo a sorteggio), è intanto arrivata la prima avversaria delle Fere e, cioè, il Como, che battendo nello scontro diretto del Girone A l' Alessandria, ha tagliato il traguardo della promozione con una giornata di anticipo.

L' altra contendente scaturirà invece dal girone B, dove tutto è fuorché deciso visto il testa a testa tra Padova e Perugia; con i Grifoni avvantaggiati dalla classifica avulsa in caso di arrivo a pari punti con i patavini, ma alle prese domenica con una trasferta tutt'altro che facile in quel di Salò contro la Feralpi, squadra cui basterebbe un pareggio per assicurarsi un ghiotto quinto posto in classifica, buono in quel girone per saltare i primi turni dei play-off.

E proprio in questo contesto si inseriscono le due correnti di pensiero e le conseguenti discussioni attualmente "in voga" tra i tifosi delle Fere.

L' una secondo la quale sarebbe assai intrigante regolare subito la questione del "più forte" con il Perugia in Supercoppa, per poi gustarsi due ghiottissimi derby in serie B; l' altra (che raccoglie il maggior numero di favori) secondo la quale sarebbe molto più intrigante vedere i Grifoni alle prese nei play-off con "squadrette" del tipo di Catanzaro, Avellino, Catania, Juve Stabia e ci metto pure il Bari, che rappresenta pur sempre uno squadrone, al di là del campionato più che deludente disputato sinora.

Così... tanto per vedere se qualche dirigente di "lassù" potrà  poi continuare o meno a sostenere che il girone stravinto dalla Ternana è assai mediocre...

Io invece, personalmente, aspetto solo di gustarmi l' ultima partita di campionato contro la Juve Stabia, convinto come sono di poter assistere ad un incontro altamente spettacolare; ed anche speranzoso di poter festeggiare gli ultimi record da aggiungere al favoloso palmares infilato quest'anno dai "nostri".

Poi potremo anche occuparci della Supercoppa, trofeo assolutamente importante e degno di essere messo in bacheca in primo piano, ma alla disputa del quale le altre due contendenti, quale che sia quella che emergerà dal girone B, potrebbero anche giungere scariche dopo l'estenuante finale di campionato.

Non la Ternana di Lucarelli però, dal momento che il mister utilizzerà anche la partita di domenica prossima a scopo di "rifinitura" in vista nel testa a testa con le altre due vincitrici.

Perché li si tratterà di stabilire chiaramente chi sarà "la più bella del reame".

E quale altra squadra potrebbe essere se non la Ternana superstar...?

Ultimi fuochi d'artificio, quindi e poi aspetteremo tutti insieme la "bomba" finale, all' esplosione della quale, chissà, potrebbe anche partecipare un migliaio di spettatori.

Si vedrà...

Sezione: Editoriale / Data: Ven 30 aprile 2021 alle 00:01
Autore: Massimo Minciarelli
Vedi letture
Print