LE PAGELLE - Via Furlan, tolta la luce, Pobega si conferma, bravo Mazzarani. Serataccia di Fazio e Altobelli; Vantaggiato e Boa, zero impatto

23.02.2019 22:40 di Ternananews Redazione  articolo letto 1865 volte
© foto di Federico Gaetano
LE PAGELLE - Via Furlan, tolta la luce, Pobega si conferma, bravo Mazzarani.  Serataccia di Fazio e Altobelli; Vantaggiato e Boa, zero impatto

IANNARILLI 6 nel primo tempo non ha dovuto fare nulla: sul tiro del gol non poteva davvero fare nulla. Rischia su un uscita in cui si scontra su Fazio, ma nulla di più. Nel secondo un buon intervento su cui si salva come può su un tiro di Stanco. Il rigore è più che generoso e serve solo per le statistiche: ottavo rigore contro fischiato alla Ternana, forse l’unico inesistente. Serve per mantenere la media di due gol presi di media a gara.

FAZIO 5 purtroppo non basta la volontà. Praticamente sempre in difficoltà contro Russotto, troppi errori anche in fase di disimpegno. Non riesce mai ad essere incisivo neanche in avanti quando si propone, esce per infortunio (dal 40’ MAZZARANI 6 esordio in campionato per il giovanissimo difensore rossoverde. L’impatto è più che positivo: concentrato, attento, pulito. Nella triste nottata di San Benedetto, una delle poche cose positive).

DIAKITÉ 5,5 si vede più in fase di costruzione che in difesa. Questo la dice lunga sul grado di pericolistà di Stanco. Purtroppo anche lui nel finale di gara pecca di presunzione e commette qualche errore di troppo (e per onor di cronaca salva anche la squadra in un contropiede).

RUSSO 6 vale lo stesso discorso fatto per Diakité. Ma da parte sua nessuna sbavatura, sempre attento. Si trova spesso a far partire l’azione ed è sempre efficace. Avrebbe potuto segnare il gol dell’1-1, ma spedisce il pallone sulla luna.

BERGAMELLI 6 decisamente meglio rispetto alle altre uscite da terzino sinistro. Sia in fase difensiva che in fase di appoggio della manovra. Si vede che non è il suo e alle volte sembra andare in difficoltà. Ma riesce sempre a cavarsela e in qualche occasione ad essere pericoloso (dal 59’ VANTAGGIATO 5 nel primo tempo avevamo la sensazione che con una punta di peso al fianco di Marilungo la pressione della Ternana potesse aumentare. Deve averlo pensato anche Gallo: peccato che poi l’apporto di Vantaggiato non sia stato quello che ci aspettavamo tutti. Come al solito una grande punizione, ma poco altro).

FURLAN 6,5 nel primo tempo tutte le azioni più importanti passavano da lui. L’unico che salta l’uomo con continuità, anima vivace di questa Ternana malata. Prova a dare la scossa su punizione. Ma spesso predica nel deserto. Costretto ad uscire per un risentimento muscolare (dal 64’ BOATENG 5 non abbiamo capito se ha giocato da esterno o da punta. Uno suo errore in fase di impostazione ha lanciato uno dei contropiede della Samb nel finale di gara. Ha avuto sulla testa la possibilità di un tiro pericoloso. Tanta corsa, poca efficacia).

ALTOBELLI 5 sanguinoso l’errore che poi porta al gol dell’1-0 e nel complesso non riesce a riscattarsi. Non è l’Altobelli che abbiamo visto a Rimini: troppi palloni persi in mezzo al campo, troppi errori in appoggio rispetto al solito (dal 64’ PALUMBO 6 ha dimostrato personalità, ha cercato di forzare la giocata. Ma non può cambiare da solo la partita. Almeno sappiamo che ha recuperato).

PAGHERA 5,5 alterna momenti di grande intensità, in cui cerca la verticalizzazione, in cui sembra chiamare la squadra ad alzare il baricentro, a momenti di pausa in cui si concede qualche errore di troppo.

POBEGA 6,5 sempre vivace, con grande volontà e corsa, buoni tempi di inserimento. Con Furlan il più positivo nel primo tempo. Nel secondo si sposta terzino sinistro e non diminuisce il suo apporto di grande fisicità e dinamismo alla causa. Non può essere sempre preciso).

BIFULCO 5 come seconda punta non convince, sembra non trovare punti di riferimento. Le cose migliori le fa partendo in corsa dall’esterno, nel secondo tempo, quando strappa e si accentra. Ma non riesce mai ad essere veramente pericoloso. Di fatto sbatte sul bunker rossoblu.

MARILUNGO 5,5 si sbatte sempre in avanti, cerca la giocata, prova il dialogo con i compagni, si va a prendere il pallone sulla trequarti e arriva alla conclusione. Ma i palloni che gli arrivano sono quasi sempre sporchi. E fa fatica. Di fatto non arriva una vera e propria conclusione in porta, ma degli attaccanti è decisamente il migliore