1 Ternana-Viterbese: il bicchiere è mezzo pieno

Abbiamo imparato che il punto conquistato dalla Ternana contro la Viterbese rappresenta il bicchiere mezzo pieno. D’altronde è stato proprio Cristiano Lucarelli a tracciare la linea sabato nella conferenza stampa di vigilia: “Quando non si può vincere si deve evitare di perdere”. Certo la Ternana avrebbe dovuto vincere ma il campo pesante e la condizione fisica ancora non ottimale hanno aiutato la Viterbese a strappare un punto buono perché arrivato in trasferta. 

2 Attacco che passione

Abbiamo imparato che con il campo ai limiti della praticabilità e con una forma fisica lontana da quella migliore anche la Ternana fatica a rendersi pericolosa. Eppure contro la Viterbese Lucarelli ha mandato in campo tutti i suoi pezzi da 90. Furlan, Falletti, Torromino, Vantaggiato, Marilungo e Peralta. Niente da fare. Il più pericoloso è stato Kontek che di professione fa il difensore.

3 Manca il centravanti di struttura

Abbiamo imparato che a questa Ternana manca il centravanti strutturato. Lo abbiamo capito dalle parole di Richard Vanigli a fine partita: “Oggi era improponibile sfruttare le nostre caratteristiche fisiche” ha detto parlando della scelta nel finale di mandare Diakitè in attacco.

4 Kontek buona la prima

Abbiamo imparato che Ivan Kontek non ha paura. Il difensore croato ha esordito giocando i secondi 45’ del match contro la Viterbese. Ha giocato da mediano al fianco di Defendi e lo ha fatto bene. Partita pulita e impreziosita da due occasioni da gol, una più notizia dell’altra che avrebbero potuto rendere magico il suo esordio con la maglia della Ternana e nel calcio italiano. 

5 Porta imbattuta, bene così

Abbiamo imparato che la Ternana di Cristiano Lucarelli da chiudere le partite con la porta imbattuta. È vero che contro la Viterbese i rossoverdi hanno giocato un tempo e mezzo in superiorità numerica ma è anche vero che subito dopo l’espulsione di Tounkara la Viterbese è andata vicina al gol per ben due volte. La difesa rossoverde ha retto contro un campo infame, un avversario comunque ostico e un feeling tra i membri del reparto che è tutto da costruire.

Sezione: In Primo Piano / Data: Lun 28 settembre 2020 alle 08:00
Autore: Alessandro Laureti
Vedi letture
Print