La situazione della Serie C continua a destare molta preoccupazione sia sul fronte sportivo sia su quello economico. E poiché la gestione del virus non dipende dalle proprie forze, il presidente Ghirelli si sa concentrando sulla questione della sostenibilità del sistema. Intervistato da Tutto C ha spiegato che la Lega Pro ha ormai preparato le richieste al Governo: “Il ministro Spadafora sa perfettamente che abbiamo bisogno di interventi immediati, abbiamo lavorato fino alle 2 di ieri notte per un provvedimento, sperando vada in porta. Con il Cura Italia 2, previsto tra il 10 e il 13 aprile, contiamo di avere spostamento e slittamento dei contributi, dei canoni per rateizzarli almeno fino a novembre. E poi come secondo provvedimento contiamo nel Salva Calcio, fondo che si potrebbe creare con l’1% delle scommesse sportive, dalla cassa deposito e prestiti e dalle risorse che sta cercando il presidente della Figc, Gravina». Spadafora ha anche annunciato l’attivazione della piattaforma per il bonus da 600 euro per il mese di marzo destinato ai collaboratori sportivi. Il Consiglio Direttivo dell’Assocalciatori, invece ha deliberato di “destinare una contribuzione straordinaria ad un Fondo solidaristico che possa in questa emergenza aiutare le categorie più in difficoltà tra i nostri associati. I redditi più bassi vanno tutelati, soprattutto in situazioni come questa in cui il rispetto e il fare squadra dovrebbero essere principi cardine”. Anche l’Aic è molto preoccupata per la situazione economica dei calciatori di Serie C, sideralmente diversa dai loro colleghi di Serie A: «Stiamo parlando con la Lega Pro per tutelare i contratti più bassi per far sì che questa crisi non si ripercuota troppo sui club. La nostra preoccupazione in questo momento è anche la sopravvivenza delle società».

Sezione: Rassegna stampa / Data: Mar 07 aprile 2020 alle 11:00
Autore: Ternananews Redazione
Vedi letture
Print