Sfida in campo, festa sugli spalti. Ternana e Casertana si trovano di fronte domani pomeriggio in campionato al Liberati, per la gioia anche delle due tifoserie, gemellate. Proprio per i sostenitori, momento attesissimo pronto a rompere una lunga astinenza, durata ben 28 anni e mezzo. Un'astinenza cominciata nel giugno 1991, quando rossoverdi e rossoblu si affrontarono per l'ultima volta in assoluto. Quel precedente, però, anche quello al Liberati, non è felice per la Ternana. Coincide con la più pesante sconfitta subita dai rossoverdi nella loro storia nel loro stadio. Finì 1-6. Quella partita, all'ultima giornata del campionato di serie C1 1990-91, fu anche uno spartiacque per entrambe. La Ternana concluse lì il ciclo della gestione Gambino per poi cominciare la breve era Gelfusa capace di portare una grande gioia (il ritorno in serie B) e un grande dolore (fallimento e cancellazione dal professionismo) e quindi tuffarsi nei successivi anni fatti di rinascita dai dilettanti, riscatti e qualche gioia, come un ripescaggio, tre promozioni e quattordici campionati di serie B. La Casertana concluse con quel 6-1 il campionato trionfale che la portò tra i cadetti. Poi però, cominciarono gli anni difficili pure per i campani, con la immediata retrocessione, cancellazione due anni dopo e ripartenza dai dilettanti, ritorno in C2 con nuova retrocessione, altra cancellazione e ripresa dall'Eccellenza. Seguirono anni in serie D, prima del ritorno in C nel 2012 per ripescaggio. Dunque, per destini diametralmente opposti, Ternana e Casertana non si erano più ritrovate.

Sezione: Rassegna stampa / Data: Sab 07 dicembre 2019 alle 10:00 / Fonte: Messaggero
Autore: Ternananews Redazione
Vedi letture
Print