Data la delicatezza dell'impegno, stavolta Fabio Gallo penserà fino a poche ore dalla partita a come presentarsi a Bari. Ipotesi diverse anche per il modulo: 4-3-1-2 solito e collaudato, 4-3-3 su un campo largo per dare più ampiezza e sfruttare al meglio le caratteristiche di Furlan, oppure 3-5-2 come a Francavilla Fontana per mettersi a specchio con gli avversari. «I dubbi, li ho a centrocampo e in attacco», si limita a dire Gallo. Mancano gli infortunati Proietti e Sini e lo squalificato Palumbo. In difesa, appaiono sicuri Suagher e Bergamelli, mentre in caso di 3-5-2 si aggiungerebbe a loro Celli. In questo caso, c'è il rebus di Furlan, che non è detto che verrebbe sacrificato. Spiega, Gallo: «Lui può fare l'esterno e il trequartista, ma anche il quinto a destra e pure la mezzala. Vediamo. In ogni modo chiunque dovesse restare in panchina, sappia che non sarebbe una bocciatura». Sulla fasce, Mammarella a sinistra e Parodi che sarebbe sicuro in caso di difesa a 4. A centrocampo, il recuperato ed ex Defendi, in base a come si sente, si gioca un posto con Damian, mentre gli altri due posti dovrebbero essere di Paghera e Salzano. In attacco, in attesa di capire con quale sistema si giocherà, sicuro sembra essere un altro ex, Partipilo. Per il resto, Ferrante, Marilungo e pure Vantaggiato, scalpitano per un posto. 

Sezione: Rassegna stampa / Data: Dom 13 ottobre 2019 alle 12:00 / Fonte: Messaggero
Autore: Ternananews Redazione
Vedi letture
Print