Come se la Ternana e il Monopoli si fossero scambiati gli abiti: i pugliesi in grande spolvero e i rossoverdi primi in classifica a balbettare sin dall’inizio della partita. Così alla fine ha fatto festa il Monopoli a cui Scienza ha dato identità e voglia di lottare. La Ternana ha sofferto in modo inaspettato a livello fisico. Il Monopoli ha corso e chiuso ogni linea di passaggio negando quelle verticalizzazioni che la squadra di Gallo predilige. Ma non si è limitato a difendere: quando ha potuto è ripartito e per oltre un’ora ha comandato le operazioni raccogliendo i frutti di tanto lavoro soltanto a inizio ripresa con Fella (controllo e tiro da applausi), proprio quando Gallo aveva operato il primo cambio per cercare di animare i suoi. Le risposte avute dal tecnico di casa non sono state pari alle attese anche quando ha cambiato altri uomini e modulo tattico. Poi un errore di Russo ha spalancato la strada del gol a un Jefferson in versione extralusso. Per la Ternana palo di Mammarella e tante proteste per un gol annullato a Furlan e un possibile rigore su Salzano. Una giornataccia per la squadra umbra, scavalcata in testa dal Catanzaro e raggiunta dal Catania. Ma il Monopoli ha vinto con merito.

Sezione: Rassegna stampa / Data: Lun 16 settembre 2019 alle 09:00 / Fonte: Gazzetta dello Sport
Autore: Ternananews Redazione
Vedi letture
Print