Andrea Risolo e Antonio Calabro si sono capiti immediatamente. Non hanno problemi di comunicazione, condividono lo stesso dialetto: il centrocampista è di Mesagne, il tecnico di Galatina, salentini nelle ossa. Si intendono al volo pure fra panchina e campo: uno comanda, l'altro esegue. Rosiolo è una delle chiavi del buon momento del Catanzaro. Con il suo ingresso in campo la squadra ha svoltato: due successi e un pareggio. Per Calabro è un uomo indispensabile. 

Sezione: Rassegna stampa / Data: Sab 21 novembre 2020 alle 11:00 / Fonte: Gazzetta dello Sport
Autore: Ternananews Redazione
Vedi letture
Print