IANNARILLI sv praticamente mai chiamato in causa per tutto il primo tempo, stessa cosa anche per il secondo. Non tocca il pallone se non per i rinvii dal fondo. I tre tiri del Foggia sono entrambi fuori bersaglio. Regala un calcio d’angolo al Foggia nel finale

DEFENDI 6,5 parte alla grande, primo tempo arrembante. E’ il giocatore rossoverde che mette più cross in area di rigore. Non tutti precisi, per carità, ma la continuità, la capacità di inserimento e l’intesa con Partipilo fanno della corsia di destra la più battuta dalla Ternana

KONTEK 6 l’intesa con Boben è naturale, i rischi corsi nei duelli con gli attaccanti avversari praticamente nulli. Si è preso la maglia da titolare ed ora togliergliela sarà davvero dura

BOBEN 6 l’unica sbavatura di una partita regolare è stato lo scontro con Dell’Agnello in area che ha consegnato l’unica vera palla gol del Foggia nel primo tempo sui piedi di Curcio

FRASCATORE 6 partenza “timida” del terzino sinistro, poi carbura come un diesel. Dalle sue parti, intanto, non si passa. Con la confidenza arrivano anche i cross e i tiri in porta e una presenza più costante nella metà campo avversaria

PROIETTI 6,5 l’equilibratore del centrocampo rossoverde. Si muove, come fossero una coppia di nuoto sincronizzato, in maniera speculare rispetto a Palumbo. Non si nota, ma si sente. E il Foggia è difficile che passi. Ruolo (e interpretazione) indispensabile (dal 70’ PAGHERA 6 sul 2-0 Lucarelli prova anche soluzioni alternativa al suo sistema di gioco di riferimento. Con una rosa così ampia è un dovere provarci)

PALUMBO 7 è ormai il punto di riferimento della Ternana. Va a prendersi i palloni in tutte le zone del campo. Li smista (lungo-corto indifferentemente) con un’abilità tecnica non indifferente. Si inserisce negli spazi, crossa e cerca la conclusione da fuori area. Poi finisce a fare prima il trequartista e poi l’esterno. E la sua qualità non diminuisce affatto. Finisce addirittura con i crampi

PARTIPILO 7,5 autentico mattatore: alla fine del primo tempo ai difensori del Foggia è servita l’aspirina per il mal di testa. Gol, altra occasione straordinaria al 45esimo, imbucate, fra cui quella per Torromino in occasione del rigore, assist, spinta costante, ricerca del dribbling. Continuo ed efficace, anche in difesa! (dal 70’ DAMIAN 6 vale lo stesso discorso fatto per Paghera)

FALLETTI 6,5 Ancora un gol: su rigore tirato alla perfezione, per la tranquillità della Ternana. Per la prima parte della partita alla ricerca della posizione giusta per prendersi i palloni da giocare. Ama partire da lontano e tirare la stoccata o il passaggio vincente. Il processo di ri-ambientamento, continua. Così come la sua tenuta atletica (dal 76’ SUAGHER 6 si incolla a Balde: gli scappa solo una volta: tentativo di difesa a tre che tornerà comodo in futuro. Necessario provarlo però, per prendere confidenza anche con questo modulo)

FURLAN 6 più in ombra del suo collega di fascia, Partipilo. Più impreciso nei cross, più sfortunato nei dribbling. Ma quando si accende fa sempre la differenza (dal 57’ TORROMINO 6,5 entra con la voglia di dimostrare di meritarsi la maglia da titolare: la corsia di sinistra sembra irrobustirsi. Sale in cattedra e fa salire anche Frascatore. Poi si guadagna anche il rigore)

VANTAGGIATO 6,5 ripete la buona prestazione di Catania, sempre attivo, si fa vedere, sgomita. Tiene il pallone alto, prova a smistarlo ai suoi esterni. Prova a tirare da fuori area e cerca anche la rovesciata, ma non è fortunato (dal 57’ RAICEVIC 6,5 pronti via si fa vedere con un paio di conclusioni e un assist per Partipilo: ancora una volta un impatto con la partita di livello)

Sezione: Pagelle / Data: Dom 25 ottobre 2020 alle 19:34
Autore: Ternananews Redazione
Vedi letture
Print