IANNARILLI 7 nel primo tempo è chiamato a un paio di interventi anche complicati in uscita e se la cava alla grande: con mestiere e ottima scelta di tempo, prima ancora la parata sul colpo di testa di Lucca (il più intraprendente degli avversari). Nel secondo tempo tiene la Ternana in partita con una parata d’istinto su Broh, da sola quella vale come un gol.
DEFENDI 5 l’infortunio lo costringe ad uscire ma non stava certo giocando la sua miglior partita con la maglia rossoverde. Soffre molto gli attaccanti del Palermo che gravitano dalla sua parte e rischia tantissimo per una spinta sulla schiena di Lucca che secondo l’arbitro non è rigore (dal 29’ LAVERONE 6 dalla sua parte non si corrono particolari pericoli. Fa la sua partita ordinata, all’inizio cercando anche di appoggiare la fase offensiva)
BOBEN 5 Lucca riesce a sgusciargli via in più di una circostanza, quella di troppo è all’inizio del secondo tempo quando l’attaccante rosanero riesce a bruciarlo e a segnare il gol del vantaggio. Ma in generale, anche se la voglia e lo spirito sono sempre gli stessi, è mancato il solito intervento chirurgico. Come è mancato il killer instinct per il tapin sulla punizione di Falletti. Lì è solo questione di istinto e di fortuna. Non era la sua giornata
KONTEK 6 dei suoi compagni di squadra è il più regolare. Cerca di coprire gli spazi lasciati liberi da Boben e porsi come ultimo baluardo prima di Iannarilli. Un pomeriggio comunque non semplicissimo. Lascia a Broh un pallone di testa su cui Ianna fa il miracolo
SALZANO 6 ancora un’interpretazione del ruolo da protagonista, anche se contro uno specialista della fascia è normale che ci siano dei momenti dove vada in sofferenza. Rischia per una trattenuta, che l’arbitro non ritiene punibile con il rigore
DAMIAN 6,5 uno stantuffo inesauribile a centrocampo: anche quando la Ternana mette 4 attaccanti lui continua a correre per cercare di fermare prima possibile il Palermo. Nasce da una sua iniziativa il gol del pari.
PALUMBO 6,5 quando accende la luce la Ternana ingrana. E’ lui che nel primo tempo cerca di far ripartire la Ternana con le sue giocate, servendo quando Furlan, quando Vantaggiato, quando Falletti. Ma finché la Ternana non cresce, la giocata porta benefici soltanto effimeri e figli delle giocate, le sue (dal 75’ PAGHERA 6 raggiunto il pari subito in campo per questioni di freschezza ed equilibri)
PARTIPILO 5 esce, probabilmente per infortunio, ma non stava comunque disputando una buona partita: non riesce a far salire la squadra, impreciso nei passaggi (dal 29’ PERALTA 5,5 tatticamente non cambia nulla con il suo ingresso, ma al di là dei primi minuti in campo non cambia niente neanche a livello tecnico. La frizzantezza delle partite passate stavolta non si vede)
FALLETTI 7 ha voglia di rifarsi in uno stadio che l’ha visto protagonista ma non tanto quanto avrebbe voluto. Si danna ma non è preciso. Ma a forza di caricare a testa bassa sfrutta al meglio l’opportunità che gli capita sul destro. Un gol importantissimo. Se avesse fatto anche il secondo era pronta la statua equestre a piazza Tacito
FURLAN 5,5 nel primo tempo la Ternana si affida spesso a lui, e lui prova a buttare dentro cross e tenta anche qualche conclusione. Nessuna di queste soluzioni però impensierisce gli avversari (dal 60’ RAICEVIC 6 entra benissimo, fluttua sulla trequarti, come seconda punta, per poi buttarsi dentro con una grande intensità. Ha una grande occasione in rovesciata)
VANTAGGIATO 6 un leone in gabbia: appena ha una possibilità ci si fionda come un rapace. Non riesce però a trovare il tiro giusto per la prima ora di gioco (dal 60’ FERRANTE 6 entra con una voglia incredibile e si rende subito pericoloso con una bella giocata, frenata poi dalla difesa del Palermo. Lavora poi in maniera speciale il pallone per il pari di Falletti)

Sezione: Pagelle / Data: Mer 03 febbraio 2021 alle 17:11
Autore: Ternananews Redazione
Vedi letture
Print