Ternana-Catania è la prossima partita di campionato per i rossoverdi. Mercoledì arriveranno al Liberati gli etnei che, a detta di molti, sono la squadra più in forma del momento al pari dell’Avellino che nel frattempo ha scavalcato il Bari in seconda posizione.

Ma perché il Catania spaventa così tanto?

Partiamo dai numeri più eclatanti. La squadra allenata da Giuseppe Raffaele non perde da 4 partite nelle quali ha ottenuto 10 punti. Con questo bottino ha scalato posizioni pesanti in classifica. Ora si trova in quinta piazza ad un solo punto dal Catanzaro e a 7 dall’Avellino. Ma il bello deve ancora arrivare. I rossoblù devono recuperare ancora due partite e sono in attesa di sapere se gli verranno ridati i due punti di penalizzazione. Conti alla mano fanno 8 punti potenziali e dunque: seconda posizione in classifica.

Basta per avere rispetto e non solo del Catania? Se questi numeri non dovessero bastare possiamo aggiungerne degli altri. Magari meno eclatanti ma comunque interessanti. Il giocatore più in palla del momento in casa Catania è il centrocampista Jacopo Dall’Oglio. Per lui 3 gol nelle ultime 4 partite. E che gol. Tutti buoni per portare a casa i 3 punti. Sì perché quando ha segnato lui la squadra di Raffaele ha poi vinto. E contro il Francavilla ha deciso il match dal dischetto dimostrando a tutti di essere ormai giocatore maturo.

La sua esplosione in fase realizzativa ha fatto sicuramente bene al Catania che in quanto a capocannonieri non gode di particolari bocche da fuoco. Il miglior realizzatore è Sarao con 4 reti e subito dietro dall’ultima giornata troviamo proprio Dall’Oglio. Molto democratica, invece è la classifica degli assist man dove troviamo tre giocatori a quota 2: Sarao, Maldonado e Silvestri.

Infine la Ternana si troverà di fronte il Catania che resta sempre una nobile decaduta con tanta voglia di tornare nel calcio che conta. Soprattutto ora che ha alle spalle l’italo-americano Joe Tacopina.

Sezione: In Primo Piano / Data: Lun 15 febbraio 2021 alle 17:00
Autore: Alessandro Laureti
Vedi letture
Print