Quando Cristiano Lucarelli e Luca Leone si sono stretti le mani in estate dopo aver raggiunto l’accordo per avviare una collaborazione che qualche mese dopo sarebbe diventata fantastica avevano deciso che prima di tutto avrebbero lavorato per creare un “senso di appartenenza” all’interno dello spogliatoio. Missione compiuta, insieme all’altro obiettivo quello ovviamente più grande e prestigioso: la vittoria del campionato di Serie C.

Ma torniamo sul “senso di appartenenza” perché dati statistici alla mano (transfermarkt) ci sono due giocatori dell’attuale rosa a disposizione dell’allenatore livornese che di “cultura ternana” ne sanno davvero tanto.

Marino Defendi con 161 gare disputate con la Ternana e Cesar Falletti che di gettoni ne ha collezionati 159 sono entrati di prepotenza nella TOP10 dei rossoverdi con più presenze di sempre dal dopoguerra ad oggi.

Il folletto uruguayano grazie alla sua seconda esperienza in rossoverde ha scavalcato nella classifica generale pezzi importanti della storia della Ternana come: Antonio Cardillo (11), Pietro Biagini (10) e Pasquale Fazio (8).

Falletti ad oggi è in settima posizione a sole due lunghezze dal suo capitano Defendi. Se questa magnifica stagione ha consentito ad entrambi di entrare nella Top10 di tutti i tempi, nel finale di stagione che ci stiamo accingendo a vincere soltanto Falletti potrà conquistare un’altra posizione, proprio a discapito di Defendi. Il capitano invece al massimo potrà mettere in cascina presenze importanti per studiare l’assalto al podio l’anno prossimo.

A proposito, davanti a Defendi in quinta posizione troviamo Fabrizio Fabris con 179 gettoni mentre in quarta piazza c’è Romano Marinai con 188 presenze.

Il podio? Ebbene sul gradino più passo c’è Angelo Rosa con 204 gare disputate in rossoverde, poi Massimo Borgobello con 205 mentre davanti a tutti c’è Fernando Benatti che con 215 partite è il giocatore con presenze nella storia della Ternana.  

Sezione: In Primo Piano / Data: Mer 14 aprile 2021 alle 16:00
Autore: Ternananews Redazione
Vedi letture
Print