1. Ternana prima in classifica e va bene cosi

Abbiamo imparato che la Ternana è stata prima in classifica e va assolutamente bene così. Nemmeno le partite del posticipo potranno cambiare il volto della graduatoria. Al massimo potranno inserire qualche altro protagonista nelle zone alte ma la Ternana ormai si presenterà domenica al via della settima giornata da capolista. E il Foggia che verrà al Liberati dovrà vedersela con la prima della classe. Va ricordato però che la Ternana ha già disputato 6 partite. Il Bari 5 perché ha riposato. Dietro ci sono squadre anche a 4 e a 3 come Turris e Avellino.

2. La Ternana è imbattuta in campionato

Abbiamo imparato che la Ternana non perde. La squadra di Cristiano Lucarelli è in serie positiva da 6 giornate. Ed è l’unica delle squadre con tutte le partite già disputate a non aver mai incontrato sconfitta. Delle formazioni che possono vantare lo 0 nella colonna dei ko spiccano le prime 4 della classifica. Dietro alla Ternana quindi ci sono Teramo, Bari e Turris. Poco più lontano spicca l’Avellino.

3. 12 gol fatti e 4 subiti… la Ternana segna e pure tanto

Abbiamo imparato che la Ternana segna tanto. Sono infatti 12 i gol realizzati dai rossoverdi fino a qui in campionato. 12 gol in 6 giornate fanno della Ternana una squadra con una media gol molto alta: 2. Statistiche alla mano i rossoverdi sono la squadra che ha segnato di più. Solo il Bari le è vicino con 10 centri. Nella norma il dato delle reti subite. 4 non sono il massimo. Ma essendo la Ternana l’unica delle big ad essere a 6 partite bisognerà vedere le altre cosa riusciranno a fare quando. Ultima annotazione. I 4 gol incassati dalla Ternana sono venuti tutti da palle inattive.

4. Mammarella e Raicevic, lo squillo che tutti aspettavano

Abbiamo imparato che tutti nella Ternana sanno cogliere il loro momento. Carlo Mammarella e Ivan Raicevic hanno scelto il momento migliore per far vedere a tutti di cosa sono in grado di fare. Il “vecchietto” oltre ad aver portato a casa la solita prestazione convincente ha pure sfornato due assist di cui uno guarda caso per Raicevic. L’attaccante si è sbloccato segnando un gol che sicuramente avrà fatto piacere a Lucarelli. Una rete da centravanti che ha fame di gol.

5. Lucarelli smorza gli entusiasmi, ci sta nel gioco delle parti

Abbiamo imparato che Cristiano Lucarelli è più che mai concentrato sul risultato finale della stagione. Nemmeno dopo aver condotto la sua squadra alla vittoria per 3-1 in casa del Catania si è lasciato andare ad un sorriso di compiacimento. Ha subito smorzato gli entusiasmi e cercato di tenere tutto l’ambiente con i piedi ben saldi a terra. D’altronde domenica si tornerà subito in campo e per di più contro una formazione molto particolare: il Foggia. Ripescata, è già al terzo allenatore in panchina. Insomma. Potrebbe essere una vera e propria mina vagante contro la quale la Ternana e soprattutto Lucarelli non ha per niente voglia di farsi male.

Sezione: In Primo Piano / Data: Gio 22 ottobre 2020 alle 15:00
Autore: Alessandro Laureti
Vedi letture
Print