Siamo arrivati nella fase cruciale della stagione e la Ternana continua a cambiare pelle. Soprattutto in attacco.

Fabio Gallo nelle due partite dei playoff ha rispolverato il vecchio tridente: due attaccanti larghi sulle fasce e un punto di riferimento in mezzo sempre libero di muoversi per tutto il fronte offensivo.

Una decisione arrivata all’indomani della sconfitta di Cesena dove la Ternana ha perso la Coppa Italia di C per mano della JuventusU23. In terra romagnola i rossoverdi si erano presentati con Partipilo alle spalle di Ferrante e Vantaggiato. Una scelta che non ha pagato considerando le pochissime palle gol costruite dai tre giocatori offensivi.

Così l’allenatore rossoverde ha deciso di cambiare e contro l’Avellino ha proposto Defendi e Partipilo ai lati di Ferrante. Inizialmente gli esterni hanno giocato sulle fasce del loro piede forte e questo non ha generato importanti occasioni da gol. Meglio è andato quando i due sono stati messi a piedi invertiti. Soluzione questa che ha consentito per tutta la stagione a Partipilo di rendere al meglio. Contro l’Avellino non sono arrivati gol ma la squadra è parsa più equilibrata. Da qui la decisione di Gallo di continuare su questa strada e riproporre il tridente anche contro il Catania. Domenica sera ha cambiato l’interprete principale, ovvero il punto di riferimento centrale. Fuori Ferrante titolare contro JuventusU23 ed Avellino e dentro Marilungo. La scelta non ha premiato considerando che l’ex Atalanta non è mai riuscito a calciare in porta. Meglio è andata al suo sostituto che alla prima occasione ha trovato la via del gol.

Ma il ritorno al tridente ha consentito alla Ternana di ritrovare un protagonista fino a qui mancato: Federico Furlan. Il suo ingresso in campo negli ultimi minuti della partita ha spaccato gli equilibri in campo e dato finalmente verve alla manovra offensiva rossoverde. Suo, tra l’altro, l’assist per il gol di Ferrante. Protagonista per una notte, la speranza che lo sia di nuovo contro il Monopoli.

Sezione: In Primo Piano / Data: Gio 09 luglio 2020 alle 09:00
Autore: Alessandro Laureti
Vedi letture
Print