Dopo l'esito positivo del tampone e dopo aver accusato i primi sintomi del Covid-19, in via di guarigione, Alessandro Favalli ha parlato ai microfoni del Corriere dello Sport, raccontando come ha capito di essere stato contagiato (incontrando alcuni parenti, poi risultati positivi) e rassicurando sulle condizioni attuali (è rimasto soltanto un forte raffreddore). 

L'attenzione dell'ex Ternana, però, si pone anche con forza sul tardivo stop del calcio: "Il mondo del calcio si è mosso in ritardo, non bastava chiudere gli stadi perché dentro ci siamo noi che giochiamo e che siamo persone, con le nostre ansie e le nostre paure. Per fortuna è arrivato il decreto. Tra i giocatori c'è molta preoccupazione da quando è scoppiata l'emergenza. Non aveva più senso andare avanti, ho apprezzato le dichiarazioni di Tommasi in questo senso".

Sezione: Ex rossoverdi / Data: Mer 11 marzo 2020 alle 15:00 / Fonte: Corriere dello Sport
Autore: Marina Ferretti
Vedi letture
Print