O la Ternana non ha festeggiato la vittoria con il Bari, oppure festeggiare fa bene! Segnare 4 gol in una sola partita a chi nelle ultime 4 ne aveva subito solo uno, è rubricabile come una piccola impresa, in un campionato che è stato esaltante per la Ternana.
Il Teramo ha giocato una bella partita, soprattutto il primo tempo. Nel secondo ha avuto forza e fortuna addirittura di andare in vantaggio, ma la Ternana ha continuato a macinare. E ne ha fatti altri tre.
Il gol di Falletti ha stappato la gara, ha rotto l’equilibrio. Il Teramo si è scrollato di dosso le proprie necessità difensive, la Ternana ha trovato più spazi ed è stata letale. Falletti merita la vetrina, perché a prescindere era il migliore in campo. Partipilo, che - diciamolo - non ha fatto una grande partita, si è inventato il gol. Ha alzato gli occhi, ha visto Peralta pronto, è allora ha segnato addirittura di destro! Pur di non uscire.
Chiediamo sempre a questi ragazzi di fare qualcosa di speciale. La Ternana ha sempre vinto con grande merito. E vincere grazie alla qualità dei suoi giocatori non è stato un marchio. Non fraintendeteci: Lucarelli è riuscito a coniugare qualità e manovra. Questo è stato il grande merito dell’allenatore della Ternana. E vedere oggi due grandi giocate (Falletti sul primo gol e Partipilo, appunto, sul secondo) è stata quasi una novità. Una bella novità. I due capocannonieri della squadra si sono presi la squadra letteralmente sulle spalle. E l’hanno trascinata all’ennesima vittoria.
Lucarelli ha però un altro grande merito. No, non quello di buttare acqua sul fuoco! Quello è il suo lavoro ed è giusto che lo faccia, soprattutto a fine partita, per far capire a tutti quale sia l’obiettivo. Proprio per questo sa benissimo che questo è il momento decisivo. Si gioca ogni 4 giorni. Fino al 3 aprile ci sono 4 partite. In 13 giorni si scende in campo 4 volte. Quindi bisogna dosare le forze. Non a caso ha cambiato la formazione iniziale. Cercando i giocatori che potevano esaltarsi contro il Teramo. Prepariamoci ad altri cambi nelle prossime gare. Prepariamoci a testare veramente quello che abbiamo detto per tutto l’anno: ovvero che sono tutti titolari. Ora - teoricamente - l’ostacolo più grande prima dell’Avellino è stato superato di slancio. Ci sono 3 partite con squadre che hanno bisogno disperato di punti. Poi lo scontro diretto con l’Avellino, che - se la Ternana dovesse continuare così - potrebbe anche determinare la promozione aritmeticamente.
Per cui Lucarelli, l’alchimista, continui a lavorare dentro il carroarmato. A fare festa, fuori, ci pensiamo noi!

Sezione: Editoriale / Data: Mer 17 marzo 2021 alle 19:35
Autore: Ternananews Redazione
Vedi letture
Print