Mancano poche ore al verificarsi di quell' evento che da tanto tempo stavamo sognando, ma il cui nome non ci siamo mai azzardati a pronunciare.

E non voglio nominarlo nemmeno in questa sede, tanta è la scaramanzia.

Ma sappiamo perfettamente tutti di cosa stiamo parlando...

Una cosa che sarebbe stato incredibile solo a pensarla, qualora ci fosse venuta in mente alla fine della scorsa estate.

Stavamo, infatti, per affrontare un altro campionato di Serie C più o meno con la stessa squadra della passata stagione; una formazione che certo non ci aveva dato soddisfazioni eclatanti, a parte i play-off disputati con onore, ma poi  annichiliti da un arbitraggio a dir poco scandaloso.

Si, è vero, erano arrivati anche giocatori di assoluto spessore come Cesar Falletti ed anche altri ragazzi sicuramente importanti.

Ma nessuno si poteva aspettare quello che poi sarebbe successo di lì a poco tempo.

Lo stesso allenatore scelto per il campionato 2020/2021, Cristiano Lucarelli, non è che convincesse più di tanto la tifoseria rossoverde, visto il suo palmares non particolarmente esaltante.

Ma, a ben guardare, e anche a considerare l'ottimo comportamento della sua ultima squadra allenata, il Catania, nel corso del play-off disputato proprio contro la Ternana, l'impressione che potesse essere l'uomo giusto al posto giusto era cominciata a serpeggiare nell'ambiente.

Certo, non è che l'inizio del campionato sia stato poi così promettente.

Il pareggio rimediato nella palude del Liberati contro la Viterbese, l'altro pareggio interno col Palermo e il beffardo risultato finale dell'incontro di Avellino contro la Casertana (3 a 3), non lasciavano presagire nulla di entusiasmante per il campionato.

Ma poi, a partire dalla quinta giornata c'è stata la trasformazione del "non del tutto bell' anatroccolo", nel meraviglioso cigno che si appresta a ritornare in Serie B trionfalmente.

Una squadra incredibile, con numeri altisonanti, con una serie infinita di vittorie, con uno dei migliori attacchi addirittura a livello di campionati professionistici europei, con record su record sbriciolati e con altri ancora da conseguire.

Ma soprattutto un gruppo di bravi ragazzi, meravigliosamente unito, coeso, compatto, granitico.

Una squadra che gioca a memoria e che, quando decide, diventa uno schiacciasassi producendo un calcio assolutamente spettacolare.

Guidata da un allenatore che ha saputo trasfondere nei giocatori innanzitutto la fiducia nei loro mezzi, trasformando come d'incanto atleti che sembravano essere finiti, in autentici protagonisti.

Un uomo "con le palle", prima ancora che un grande tecnico.

Una stagione incredibile, meravigliosamente incredibile... Da raccontare ai nostri nipoti magari con le lacrime agli occhi.

Ma ora il sogno sta per trasformarsi in realtà.

E allora sorge un solo rammarico.

Quello di non aver potuto ammirare sul campo questa meravigliosa squadra.

Perché solo dal campo, spettacolarità del gioco a parte, si possono notare quei dettagli che purtroppo in televisione sfuggono.

L' aiuto costante che tutti si danno tra di loro, l' incoraggiamento reciproco, la gioia travolgente al gol, le urla del timoniere che propone la rotta, la commovente festa al termine dell'ennesimo successo...

E un presidente sempre lì, sul pezzo , in panchina, pronto a sostenere i propri "dipendenti" come il primo dei tifosi.

Un uomo d'onore innanzitutto.

E soprattutto una persona "vera".

Grazie Presidente Bandecchi per le meravigliose emozioni che quest'anno c' ha voluto regalare.

Grazie anche per averci messo a disposizione, in ogni caso, l'opportunità di seguire la nostra squadra attraverso Cusano Italia TV.

Ma che peccato non poter essere stati allo stadio...

E che peccato non poterli festeggiare dopodomani al termine della partita con l' Avellino...

Neanche con una "macchinata", nel rispetto della legge e di tutti i protocolli sanitari di questo mondo.

Colpa del maledetto covid e delle conseguenti, troppo drastiche disposizioni di legge.

"Dura lex, sed lex", solevano ripetere i nostri padri latini.

Ma in una regione dov'è l'indice RT e appena al 0,8% e che quindi meriterebbe addirittura la Zona Bianca, non si poteva fare qualcosa per accontentare, sia pure in maniera minimale, questi tifosi esausti, ma, soprattutto, questa gente che non ne può più?

Vero governatrice Tesei..?

Ma pazienza.

Perché tanto i ternani hanno sempre dato e sempre continueranno a dare dimostrazione di grandissima civiltà e di totale rispetto delle leggi.

Vorrà dire che ci accontenteremo di partecipare allo speciale di "Al bar delle Fere", in onda sabato prossimo a partire dalle ore 18 sul canale 15 del dgt, Umbria / TRT, dove ciascun tifoso delle Fere  che lo vorrà, cliccando semplicemente un link sulla piattaforma Zoom (link che verrà indicato sulla pagina Facebook del Centro di Coordinamento dei Ternana Club), potrà manifestare in diretta video (e in tutta la regione...anche di la della galleria diColle Capretto...) tutta la sua gioia per l'avvenuta promozione della Ternana in serie B!

In ogni caso, grazie ragazzi!

C' avete regalato un sogno!

Sezione: Editoriale / Data: Gio 01 aprile 2021 alle 00:00
Autore: Massimo Minciarelli
Vedi letture
Print