Il Brescia di Pippo Inzaghi rappresenta sicuramente uno degli avversari più ostici di questo campionato e non solo per i precedenti; attualmente la squadra lombarda si trova al secondo posto, ad un solo punto dal Pisa, primo. All’andata la vittoria per 2-0 al Liberati, in quella che era la prima gara stagionale, era stata anche condizionata da episodi arbitrali che sono andati a sfavore delle Fere, ma comunque la superiorità del Brescia era stata abbastanza evidente fino dai primi minuti. Da lì è partita di fatto la cavalcata della squadra di Inzaghi che ha scoperto le carte proprio al Liberati.

Nelle ultime partite i bianco-azzurri hanno portato a casa due vittorie importanti esterne con Reggina e Spal, tra queste due gare c’è stato anche il pareggio in casa contro il Cittadella. I bresciani non perdono dal 5 dicembre 2021, sconfitta casalinga per 0-2 contro il Monza. E infatti (anche a guardare questo piccolo segmento di campionato) vanno meglio fuori casa che in casa: chissà che questo non possa essere un vantaggio, per le Fere

I giocatori da tenere d’occhio sono molti, perché pur avendo il secondo attacco più importante del campionato, il brescia non haun vero e proprio terminale offensivo, con il giocatore più prolifico (Moreo) fermo solamente a 5 gol. L’idea principale di Inzaghi infatti, è stata sempre quella di dare risalto al gruppo e non ai singoli, come già aveva fatto nella stagione dei record con il Benevento. Sicuramente ci sono nomi di prestigio nella rosa lombarda, basti pensare che dalla panchina può entrare un attaccante del calibro di Rodrigo Palacio, ma anche nomi di giocatori che hanno esperienze in Serie A come Joronen, Chancellor e Bisoli. Solitamente si schierano con un 4-3-3 abbastanza offensivo, con le ali che rimangono larghe favorendo l’inserimento dei centrocampisti, che spesso in questa stagione hanno trovato gol importanti.

Come dicevamo, un dato che sicuramente può far sperare i tifosi rossoverdi è che il Brescia, nel girone d’andata, si è dimostrata “una macchina da punti” in trasferta, ma un po meno in casa, infatti nelle 11 partite vinte in totale dai lombardi solamente 3 sono arrivate al Rigamonti. Certamente è un dato che può dar speranza agli uomini di Lucarelli, consapevoli però che dovranno dare il 110% per battere una delle squadre più in forma di questo campionato.

Sezione: Avversario / Data: Gio 20 gennaio 2022 alle 17:00 / Fonte: Autore: Leonardo Allegretti
Autore: Ternananews Redazione
vedi letture
Print