Pro Vercelli, Secondo sui mancati ripescaggi: "Decisione scorretta contro tutte le squadre coinvolte"

12.09.2018 22:30 di Stefano Bentivogli Twitter:   articolo letto 804 volte
© foto di Matteo Gribaudi/Image Sport
Pro Vercelli, Secondo sui mancati ripescaggi: "Decisione scorretta contro tutte le squadre coinvolte"

Il presidente della Pro Vercelli Massimo Secondo ha parlato oggi a magicapro.it tornando sullo scottante tema dei mancati ripescaggi: "La vicenda della Serie B sapete tutti com’è finita. Frattini ha votato contro il blocco dei ripescaggi, riteneva corretto il format a 22: e tra le ripescate ha detto che ci sarebbe dovuta essere la Pro Vercelli. Gli avvocati hanno fatto bene il loro lavoro, non voglio sostituirmi a loro. Leggendo le parole di Frattini, non ho nulla da aggiungere. Continueremo la battaglia, al di là dei risultati: è stata fissata una nuova udienza dal TFN, andremo anche al Tar perché giuridicamente la motivazione non tiene. Vogliamo arrivare in fondo, la battaglia giuridica continua. Tecnicamente i soldi versati per la domanda di ripescaggio dovrebbero essere restituiti, ma ad ora non ci hanno ancora comunicato nulla: bisognerebbe chiedere a Lega e FIGC le motivazioni. Ci auguriamo di non dover aprire un altro contenzioso. Delusione? I Presidenti di Serie B hanno ritenuto di comportarsi in questo modo, a mio avviso in maniera scorretta. In Lega avevo fatto una battaglia con altri Presidenti per differire i playoff, anche se alla Pro Vercelli non interessava: bisogna prendere decisioni corrette, non a proprio vantaggio. Penso che la loro decisione non sia corretta nei confronti dei sei club coinvolti per i ripescaggi, non parlo solo a nome della Pro Vercelli. Noi ci schiereremo al fianco del Presidente Gravina che ha chiesto di ripristinare il format della Serie B con 7 promozioni e non 4. Balata ha dichiarato che il format è a 19 squadre, con 3 promozioni e 4 retrocessioni: è chiaro che se si pensa a una modifica del format, avere un campionato con una squadra che riposa non è il massimo. Il campionato non è solo matematica. Non credo che il format a 19 squadre possa essere portato avanti".