Le 5 cose che abbiamo imparato da Ternana-Picerno 2-1

04.11.2019 15:00 di Alessandro Laureti   Vedi letture
Le 5 cose che abbiamo imparato da Ternana-Picerno 2-1

1 La Ternana ha ricominciato a vincere

Abbiamo imparato che la Ternana ha ripreso a vincere. Dopo due sole battute a vuoto la squadra di Fabio Gallo è tornata alla vittoria. Lo ha fatto nel momento migliore: la prima delle due partite casalinghe. Il successo contro il Picerno è stato il modo migliore per rispondere con i fatti anche al comunicato della società d’inizio settimana nel quale era stata ribadita la fiducia nel gruppo e svelati ufficialmente i piani per questa stagione.

2 Alexis Ferrante è il bomber rossoverde

Abbiamo imparato che Alexis Ferrante è il bomber principe della squadra. Con la doppietta di domenica, tra l’altra la sua prima tra i professionisti, l’ex attaccante del Fano è salito in cima alla classifica marcatori della squadra. Con 4 reti in campionato Ferrante guida la folta pattuglia di rossoverdi che hanno trovato la via del gol in questo inizio di stagione. Dietro di lui resta Partipilo a 3 poi tutti gli altri. Peccato per il gol annullato in apertura di match altrimenti a 3 oggi ci sarebbe pure Marilungo.

3 Bandecchi porta bene

Abbiamo imparato che Stefano Bandecchi porta bene. Il Presidente della Ternana è tornato ieri al Liberati per seguire la squadra contro il Picerno e i rossoverdi hanno vinto. Come ha ricordato Gallo “l’ultima partita che ha visto dal vivo è stata quella contro il Bari, poi per motivi di lavoro non è più potuto venire con noi”. Senza di lui la Ternana ha conquistato 4 punti in 3 partite. Il numero uno della Ternana ha anche voluto parlare alla squadra nel prepartita. A Mammarella e soci ha ribadito la sua piena fiducia e qual’è l’obiettivo finale che vuole raggiungere.

4 L’esordio di Diakité e la conferma che tutti possono essere protagonisti

Abbiamo imparato che Fabio Gallo non chiude le porte in faccia a nessuno. L’allenatore rossoverde ieri contro il Picerno ha fatto esordire Modibo Diakité. Per l’ex difensore della Lazio qualche minuto in campo nel finale per aiutare la squadra a portare a casa un’importante vittoria. La sua stagione è iniziata sapendo di non rientrare nei piani della Ternana. Dal mercato non sono arrivate offerte valide così è rimasto. Lo ha fatto in silenzio facendosi sempre trovare pronto. Gallo ha visto, ha apprezzato e nel momento del bisogno ha deciso di dargli fiducia e Diakité non si è fatto scappare l’occasione. Impossibile però dire se sia l’alba di un nuovo inizio.

5 La Ternana è a metà dell’opera

Abbiamo imparato che la Ternana è a metà dell’opera. Alla vigilia del doppio confronto casalingo la società, per voce del vice presidente Paolo Tagliavento ha chiesto alla squadra i 6 punti. Oggi dopo la prima partita disputata al Liberati la Ternana ne ha conquistati 3. Ora sotto con la Paganese anche se in mezzo c’è da preparare la sfida contro la Fermana di Coppa Italia. Una partita alla quale Fabio Gallo ha fatto sapere di tenere molto.