Ne parlavamo già nella giornata di ieri, del fatto che la Ternana,. per rimettersi in carreggiata e sulla giusta via per risalire al classifica, ha necessità che il suo reparto offensivo rtirovi il feeling con la porta, essendo rimasto a secco ormai da quattro partite, cinque se consideriamo anche la semifinale di ritorno giocata proprio contro il prossimo avversario, il Catania. Partendo da questa considerazione, però, si giunge ben presto alla consapevolezza che quella di domenica al Massimino, di nuovo contro gli etnei, sarà la sfida fra due squadre che hanno assoluto bisogno di segnare. 

La squadra di Lucarelli, infatti, tolta la "parentesi" su rigore di Castellammare di Stabia contro la Cavese (1-0, penalty trasformato da Mazzarani), non trova la via del gol su azione dallo scorso 22 gennaio, quando si impose per 3-1 contro l'Avellino, sempre alle pendici del vulcano: dopo quella partita, infatti, sono arrivati fra coppa e campionato cinque incontri con lo "0" sul tabellino dei gol all'attivo e, appunto, la sola vittoria contro la Cavese. 

Gara fra attacchi in letargo, dunque, gara fra reparti offensivi che devono ritrovare la via. 

Sezione: Focus / Data: Mar 18 Febbraio 2020 alle 18:00
Autore: Marina Ferretti
Vedi letture
Print