Tutti a Rieti appassionatamente

22.08.2019 00:00 di Massimo Minciarelli   Vedi letture
Tutti a Rieti appassionatamente

Finito il "primo tempo" della partita contro il Rieti, con la Ternana in vantaggio per 3 a 1, sabato comincerà il secondo tempo. 

E sarà tutta un'altra storia. 

Si, perché il campionato assume un'importanza totalmente diversa rispetto ad un incontro di Coppa Italia, che, vuoi o non vuoi, rientra nella tipologia delle classiche partitelle di preparazione post-ritiro. 

E state sicuri che gli amaranto-celesti di casa, già apparsi nella partita di domenica scorsa piuttosto combattivi e ben messi dal punto di vista atletico, moltiplicheranno gli sforzi pur di ottenere un risultato positivo contro la "grande" Ternana. 

Allora sabato cominceremo a vedere sul serio di quali panni saprá vestirsi la squadra di Fabio Gallo e Luca Leone. 

Per quanto ci siamo sbilanciati un pò tutti nell' affettare giudizi sulla squadra, non ci dimentichiamo che di partite ufficiali (di Coppa peraltro) ne sono state giocate solo due, e, al di là dei risultati positivi ottenuti, è ancora troppo presto per poter capire quale sia l'effettiva forza dei rossoverdi. 

Certo, differentemente dalla passata stagione, un' idea di gioco c'è sicuramente, si vedono schemi nei quali s' intuisce in modo chiaro la mano del tecnico, l'utilizzo dei giocatori sembra più logico e finalizzato. 

Inoltre, più di qualche elemento della vecchia guardia appare quasi rigenerato, mentre si direbbe che  i nuovi acquisti si siano già inseriti in maniera egregia. 

Ma soprattutto sembrerebbe esserci il "gruppo", elemento da ritenersi fondamentale e trainante in qualsivoglia disciplina sportiva di gruppo. 

Al contrario, il settore difensivo continua a destare qualche apprensione; non tanto per il numero di gol beccati in coppa (3 in due 2 partite sono comunque troppi, anche perché incassati contro avversari non trascendentali), quanto per una certa difficoltà nel riuscire ad arginare le imbucate in profondità degli avversari, sia sugli esterni, che, soprattutto, al centro. 

Ma sono tutte impressioni approssimative e, come già detto, circoscritte ad un solo paio di partite semi-vere. 

E si torna dunque alla prima di campionato di sabato prossimo, quando non ci sarà più tempo né per scherzare, nè tanto meno per fare ulteriori esperimenti. 

Ma, in fondo, sono perfettamente convinto che Gallo abbia già le idee molto chiare in proposito. 

Per cui rechiamoci pure nel capoluogo della Sabina con moderato ottimismo, senza strafottenza, senza sottovalutare un avversario che comunque rimane da prendere con le molle, ma anche nella convinzione che il maggior tasso tecnico della Ternana alla fine dovrebbe avere il suo peso. 

Ma non sarà di sicuro una passeggiata. 

Semmai la passeggiata a Rieti dovremmo farla noi tifosi delle Fere. 

E possibilmente in buon numero. 

La concessione dell'intera tribuna Terminillo dello stadio Manlio Scopigno-Centro d'Italia  ai tifosi della Ternana, grazie alla preziosa collaborazione dell'assessore allo sport del comune di Rieti Roberto Donati e dello stesso GOS (notizia data in diretta a Radio Incontro dallo stesso Donati), metterà a disposizione dei supporters rossoverdi un settore dello della capienza di 4.500 posti a sedere. 

Certo, immaginare che tanta gente possa salire in tal numero da Terni a Rieti mi sembra semplicemente assurdo. 

Ma sarebbe auspicabile la presenza di almeno 1.000/1.500 tifosi ternani, perché, tra l'altro, questo significherebbe giocare praticamente in casa la partita (a Rieti difficilmente vanno più di 1.000 persone allo stadio). 

Motivo per cui, per dirla alla Puccini, che "nessun dorma" ! 

E cerchiamo di non lasciare soli i nostri ragazzi nel primo appuntamento della stagione. 

Partire con il piede giusto sarebbe fondamentale ai fini dell'acquisizione di autostima e consapevolezza nei propri mezzi. Ma, soprattutto, se a Rieti le cose dovessero andare come tutti ci auguriamo, sarebbe un ottimo viatico per la successiva partita di domenica primo settembre contro il Potenza, nel momento in cui lo stadio Libero Liberati potrebbe veramente offrire un colpo d'occhio incredibile! 

Quindi, amiche ed amici rossoverdi, "tutti a Rieti appassionatamente" !