E' stato piuttosto chiaro il ministro dello sport Vincenzo Spadafora, seppure non abbia dato notizie certe e definitive: la data più vicina che riesca ad immaginare (ad oggi) per la ripresa dei campionati di calcio è il prossimo 3 maggio, quindi un mese esatto più tardi rispetto alla fine dello stop agli allenamenti (sempre salvo novità). 

Un mese, dunque, che servirebbe ai giocatori e ai relativi staff per ritrovare la forma fisica per affrontare il finale del campionato, anche se al momento, soprattutto laddove (come per la serie C e la Ternana) non vi sia certezza circa lo svolgimento degli spareggi per la promozione. Quali sono, allora, le partite che le Fere si dovranno trovare a recuperare, una volta ripresa la stagione in maniera più o meno normale? Già rinviate col decreto della scorsa settimana, le partite fino al 3 aprile, ovvero Ternana-Vibonese, che si sarebbe dovuta giocare la scorsa domenica, Picerno-Ternana e ancora l'infrasettimanale fra Paganese e Ternana e la sfida del Liberati Ternana-Teramo. A queste, poi, vanno aggiunte Viterbese-Ternana, la partita di Coppa fra Ternana e Juventus U23, il turno pasquale fra Ternana e Catanzaro, Casertana-Ternana, il ritorno di Coppa, e infine l'ultima giornata fra Ternana e Cavese. Insomma metà del girone di ritorno verrà fatta slittare per consentire alla stagione di essere conclusa in maniera regolare anche se, almeno per il momento, la regolarità potrebbe aversi soltanto in mezzo al campo, dal momento che sembrerebbe più che probabile che la ripresa possa esserci ma a porte chiuse. 

Sezione: Copertina / Data: Gio 19 Marzo 2020 alle 17:00
Autore: Marina Ferretti
Vedi letture
Print