Ternana e Castiglion Fiorentino nel ricordo di Viciani

 di Marina Ferretti  articolo letto 232 volte
Fonte: Ternana Calcio
Foto Ternana
Foto Ternana

Ve lo abbiamo raccontato ieri, che il presidente Ranucci ha incontrato i rappresentanti di Castiglio Fiorentino ieri mattina, in Comune, prima di rendere omaggio alla tomba dove riposa il maestro Corrado Viciani; grazie alle foto fornite dalla Ternana, abbiamo anche potuto mostrarvi le immagini di questa giornata particolare. 

Oggi, la società di via della Bardesca racconta come si è svolta la mattinata tramite un comunicato apparso sul sito ufficiale rossoverde, che noi siamo lieti di riproporre. 
"La sala consiliare del Comune di Castiglion Fiorentino ha ospitato una conferenza stampa cui hanno partecipato il sindaco, Mario Agnelli, il presidente della Ternana Unicusano, Stefano Ranucci, il vice presidente della Castiglionese, Stefano Frescucci, i figli (Dario ed Enrico) con il nipote (Bernardo) dell’indimenticato allenatore delle Fere, Corrado Viciani.

Il primo cittadino ha espresso grande soddisfazione per la presenza dei rossoverdi in città, di notevole valore anche simbolico: “sono fiero che la società rossoverde abbia dedicato la curva est al nostro caro Corrado, un gesto che suggella e unisce ulteriormente un legame indissolubile. Castiglion Fiorentino è terra di sport e di grandi sportivi, uomini di valore fuori e dentro l’ambito sportivo”.

Il presidente Stefano Ranucci ha poi mostrato grande piacere nell’aver “conosciuto i familiari del maestro, uno sportivo ma soprattutto un uomo che rimarrà nel cuore dei ternani. Abbiamo scelto Castiglion Fiorentino come luogo per il ritiro sia per l’amicizia che ci lega, sia per il bel posto ma soprattutto perché questa città ha dato i natali ad un allenatore che ha portato per la prima volta la Fere in Serie A. Sono sicuro che la sinergia che è nata con questa bellissima cittadina non si fermerà qui”.

Il nipote del maestro, Bernardo, ha parlato anche a nome del papà Dario e dello zio Enrico: “Siamo tifosi della Ternana, ed averla nella nostra città ci riempie di orgoglio. Il legame con le Fere, che dura da tanti anni per tutta la nostra famiglia, mi ha permesso di conoscere molte cose in più di mio nonno, del suo modo di essere dentro e fuori dal campo. Grazie a Terni, ai ternani e alla Società rossoverde perchè non smette mai di ricordare Corrado”".