Serie C - Domani si pronuncia la Covisoc: non sono attese sorprese

03.07.2019 13:00 di Marina Ferretti   Vedi letture
Serie C - Domani si pronuncia la Covisoc: non sono attese sorprese

Domani sarà una giornata fondamentale per le squadre in attesa di conoscere il proprio destino e di sapere se la domanda d'iscrizione al campionato di competenza sarà accettata o, al contrario, bocciata con conseguente estromissione dalle competizioni. La prima deadline, dunque, delle svariate che attendono il calcio italiano in questo mese di luglio, su tutte la presentazione delle domande di ripescaggio e riammissione entro il 5, i ricorsi da presentare entro l'8 e il Consiglio Federale del 12, giorni questi che daranno forma e vita ai prossimi campionati.

Stando alle indiscrezioni che circolano in ambiente calcistico, non dovrebbero esserci clamorosi colpi di scena in nessuna categoria e sotto nessun punto di vista. In serie C, quella che più direttamente interessa la Ternana, non dovrebbe esserci modo di salvare nè il Foggia nè l'Arzachena, che si aggiungeranno a Lucchese, Albissola e Siracusa nella lista delle squadre che non  parteciperanno alla prossima stagione fra i professionisti; in serie B, invece, dovrebbe consumarsi l'avvicendamento fra Palermo (estromesso) e Venezia (che lascerebbe così prima di iniziare a giocare la serie C). Non dovrebbero esserci invece speranze di ripescaggio/riammissione per Carpi e Padova, semplicemente perchè Chievo e Trapani dovrebbero essere promosse all'esame Covisoc, nonostante qualche particolare in sede di presentazione dell'iscrizione abbia fatto storcere il naso (mancanza di timbri per i siciliani e date scritte in maniera erronea per i veneti). 

In attesa del pronunciamento ufficiale del Consiglio Federale il prossimo venerdì (il 12 luglio), la situazione dovrebbe dunque rimanere invariata, coi noti problemi e le rispettive conseguenze.