Ghirelli a TuttoC: "B a 19? Non sembra sostenibile. Si parte il 25 agosto"

26.06.2019 14:00 di Marina Ferretti   Vedi letture
Fonte: TuttoC.com
Ghirelli a TuttoC: "B a 19? Non sembra sostenibile. Si parte il 25 agosto"

Ha rilasciato una lunga intervista ai microfoni di TuttoC.com il presidente della LegaPro Francesco Ghirelli che ha affrontato tanti temi, su tutti quello delle esclusioni dal prossimo campionato di C (e B) e delle riammissioni e dei ripescaggi per completare l'organico della prossima stagione. Non è mancata, come ovvio che sia dopo gli ultimi fatti a cui si è assistito, una stoccata nei confronti della Lega di B e della scelta, presa appena un anno fa, di portare a 19 le squadre iscritte per portare avanti una sostenibilità economica che però sta venendo meno: "Visti i risultati, non mi sembra proprio che sia così. E dispiace tantissimo per i tifosi di due piazze spettacolari (Foggia e Palermo, N.d.R.) che tanto hanno dato al nostro calcio". 

C'è amarezza in Ghirelli, come ovvio che sia, per le esclusioni di Arzachena, Albissola, Siracusa e Lucchese e per quella quasi certa di Foggia, ma anche soddisfazione perchè le società di serie C insieme alla Lega e ai comuni di appartenenza si sono mosse, durante lo scorso anno, per rendere a norma gli impianti. 
Un passaggio interessante della lunga intervista, poi, è quello in cui si parla della partenza del campionato: Ghirelli rassicura sulla data del 25 agosto, salvo poi precisare che, se il governo non si pronuncerà in materia di defiscalizzazione, potrebbero esserci conseguenze ancora tutte da valutare. "Dico 25 agosto in punta di penna - afferma il numero uno della LegaPro - Non dimentichiamo la partita ancora aperta sulla defiscalizzazione. Le nostre società e la Lega tutta si sono mosse in tal senso: regole ferree, aumento di credibilità, playoff dalla partecipazione incredibile. Adesso aspettiamo risposte. Mi auguro che governo e parlamento deliberino in tal senso, non vedo perché non dovrebbero farlo. E se così non sarà logicamente ci saranno conseguenze tutte da valutare".

Insomma, la serie C sembrerebbe pronta a partire, una volta colmate le lacune lasciate dalle società non idonee, ma il messaggio di Ghirelli è quello di non abbassare mai la guardia e non sottovalutare una Lega e un campionato che tanto può dare al movimento calcistico italiano.